Passa ai contenuti principali

Lo Spif Ar chiede la calendarizzazione del DDL 2257

 

Alla Presidente XII Commissione Senato

                                                                                  Sen. A. Parente

                                                                          Ai Vice Presidenti XII Commissione Senato

                                                                                Sen. P.Boldrini

                                                                                Sen.  M.C. Cantù

                                                                          A Tutti i Membri della XII Commissione Senato

 

 

Oggetto: Richiesta di calendarizzazione ddl 2257.

 

 

Gentilissimi  Senatori,

la consegna alla 12ª Commissione del Senato della Repubblica del Ddl 2257  a firma del Senatore Pagano  , assegnato  in Commissione il 22 settembre 2021 , e del quale , non è ancora iniziato l’esame ,  rappresenta per migliaia di Fisioterapisti del territorio Nazionale, oltreché e soprattutto nei confronti delle Persone che necessitano delle Cure Riabilitative,  una svolta decisiva che consentirebbe di attuare  una rapida fine di un lungo e tortuoso percorso,  che ha posto il nostro Paese in pesante ritardo rispetto agli altri paesi europei.

Il testo proposto nel ddl, declinando le raccomandazioni comunitarie nel contesto legislativo nazionale, interviene in maniera significativa sulla tutela della salute e sul funzionamento delle strutture sanitarie unificando in un unico riferimento legislativo una problematica complessa e frastagliata come quella relativa alle prestazioni fisioterapiche in ambito domiciliare.

Esso assume, un primo passo per  l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo  lo snellimento delle liste dì attesa  , consentendo   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta  retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale  o in regime di dipendenza , come previsto nell’art.4 del ddl.

Il fisioterapista di famiglia si può considerare come un’area di avanguardia per un nuovo modello di assistenza e, una punta di diamante di quelle aree specialistiche che, entreranno a far parte a pieno titolo, e soprattutto in maniera uniforme, nel panorama dell’assistenza. Ci pregiamo di comunicarvi , in chiave di obiettivi da raggiungere che il testo contiene alti profili operativi ed in sintesi:

- La riduzione delle ospedalizzazioni;

- La riduzione delle liste di attesa;

- Accreditamento diretto professionista sanitario;

- Equo compenso per il professionista sanitario;

- La prontezza ed immediatezza delle cure fisioterapiche;

- Un risparmio notevole per il S.S.N.

- Il rapporto fiduciario fisioterapista/paziente;

- Lotta all'abusivismo e conseguente tutela degli interessi del cittadino e del suo diritto ad una buona sanità;

- Miglior controllo, da parte del Sistema Sanitario Locale , dei criteri di qualità e dell'efficienza.

La scrivente, appreso della  Vostra seduta n. 302 del 03.05.2022, dove insistono in discussione, addirittura in sede redigente, due ddl, il 1346 e il 1751, riconducibili alla figura dell’infermiere, richiede che , anche al fine di evitare , “ le così dette disparità di trattamento “, rappresentando, altresì  che , per prassi consolidate,  la figura del fisioterapista , rientra a pieno titolo, come l’infermiere ,  nell’assistenza alla Persona, e nello specifico ,  attraverso la  cura della disabilità, fragilità e cronicità , determinate  anche dall’allungamento della vita, a cui vanno date , sotto il profilo della salute, le dovute ed adeguate risposte,  

Sia calendarizzato,  nell’immediato , il ddl 2257,invitando la Presidente a porre in essere le prerogative di Sua competenza , e , se possibile , non porlo  in sede referente, ma come fatto per gli infermieri, porlo in sede redigente.

 Qualora sia ritenuto opportuno dalle SS.LL. , la scrivente rimane disponibile ed avanza anche, in via formale,  la  richiesta di poter essere audita in Commissione.

In attesa di gentile e cortese riscontro, è gradito porgere distinti saluti.

 

Il Segretario Nazionale Spif Ar

Dott. Roberto V. Ferrara


leggi la lettera

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit