Passa ai contenuti principali

Mobilitazione Fisioterapisti Regione Sicilia - Spif Ar scrive all'Assessore R. Razza ed ai Sindaci


 SPIF AR, a supporto dello stato di agitazione e relativa mobilitazione dei Fisioterapisti e Logopedisti della Provincia di Catania e Palermo, in data odierna ha inviato una NOTA all'assessore alla salute, Avv. R. Razza, al Presidente della VI commissione Regione Sicilia, ai direttori generali delle ASP interessate e contestualmente ai Sindaci dei Comuni di Catania e Palermo.

Di seguito la NOTA:


Oggetto: Richiesta di Urgente incontro all’Assessore, e di audizione in VI Commissione Salute

 

Egregio avvocato Razza,

Egregio Presidente On. M. La Rocca Ruvolo

Egregi Direttori Generali

Egregi Sindaci

            in un momento convulso che tutti quanti stiamo vivendo da un punto di vista sanitario, è obbligo da parte di questa organizzazione sindacale rappresentare  delle situazioni incresciose che riguardano i nostri colleghi che operano nel sevizio ADI nelle città di Catania, Palermo a cui si stanno aggiungendo molte altre Provincie della Regione. Altresì , ci è parso doveroso e utile, mettere in indirizzo i Sindaci, nella loro qualità di Autorità  Sanitaria del Comune , per informali  e renderli partecipi della situazione, in virtù dell’essere tutori della salute dei propri cittadini,  e il coinvolgimento attivo di propria competenza , stante che , le Cure Riabilitative  ricevute da parte delle persone , rivestono assunzione di responsabilità anche da parte  dei Sindaci.

Nella scorsa settimana, si sono susseguite a ritmo incessante le legittime rimostranze e proteste da parte di lavoratori operanti in Strutture SANITARIE, in merito al notevole disagio in cui versano sotto il profilo economico/contrattuale.

Parliamo di professionisti Sanitari dell’Area Riabilitativa riconosciuti dal Ministero della Salute, regolarmente iscritti all’ordine professionale quali, nella fattispecie, Fisioterapisti.

Com’è noto alle SS.VV. , le gare di  appalto emanate dalle ASP in oggetto per i servizi de quo, stanno producendo un effetto domino, alquanto pericoloso, a causa delle esigue risorse economiche che, verrebbero destinate, ad accesso, al singolo professionista sanitario.

Risorse assolutamente inique rispetto alla qualità del servizio offerto, al budget  previsto dalle singole ASP  (non aggiornato alle attuali esigenze reddituali) e, pertanto  irrispettose nei confronti dei colleghi.

Un professionista sanitario della riabilitazione, percepirebbe, in riferimento al budget assegnato, circa 13,50 euro ad accesso (lordo),  senza alcun aggiuntivo in termini di rimborso carburante, gestione separata INPS, polizza assicurativa RCT ed iscrizione al proprio ordine professionale. Oneri a carico del singolo.

Nella piena consapevolezza di rappresentare le necessità impellenti dei numerosi colleghi riunitisi in un corposo gruppo ed in riferimento alle rivendicazioni di avere riconosciuto un adeguato compenso per le prestazioni SANITARIE erogate per conto di cooperative operanti nel territorio, la scrivente O.S. 

CHIEDE

All’Assessore, di porre in essere  un’accelerazione all’emanazione del  Decreto sulle Tariffe da destinare alle ASP, come previsto nell’art. 3, comma 3 del DA 3 settembre 2021, avente per oggetto Definizione dei criteri per l’accesso all’accreditamento dei soggetti privati erogatori di cure domiciliari , che siano  coerenti  e nel pieno rispetto del costo del lavoro per le Professioni Intellettuali, quali sono i fisioterapisti e i logopedisti, regolarmente iscritti ad un Ordine Professionale. Ciò al fine di determinare  adeguati aggregati di spesa assegnati alle  singole ASP, nonché  un urgente incontro  con la S.V. e al Presidente della VI Commissione di essere auditi, in rappresentanza di codesti lavoratori, per instaurare un confronto  e contribuire alla  definizione di  processi per la  risoluzione del problema,  onde evitare che il proseguo dello   stato di agitazione attuale generatosi,  si tradurrebbe inevitabilmente, sulla sospensione dei servizi con GRAVE nocumento per i pazienti che attendono le cure riabilitative.

Certi di un vostro cortese e celere riscontro , si porgono distinti saluti.

Il Segretario nazionale Spif AR                                                   Il Segretario regione Sicilia Spif AR

Dott. Roberto V. Ferrara                                                                   Dott. Francesco C. Locicero                                                                            


Commenti

Post popolari in questo blog

Nuove prospettive per la fisioterapia ?

A seguito del pressing mediatico di Spif Ar,  finalmente la Cdan prende una posizione" Super Partes", e non più unilaterale.  Di seguito la circolare. LEGGI LA NOTA DELLA COMMISSIONE DI ALBO NAZIONALE DEI FISIOTERAPISTI

RINNOVO CONTRATTO ARIS

 RINNOVO CONTRATTO  Sono passati ormai 2 anni da quando ARIS e AIOP si erano impegnate ad aprire un tavolo negoziale per il rinnovo dei contratti dei lavoratori privati delle RSA e dei centri di riabilitazione ex art. 26. Ad oggi purtroppo non si registra alcuna volontà da parte di queste due associazioni   datoriali, di giungere alla sottoscrizione del rinnovo di un contratto scaduto ormai da 10 anni. E’ UNA VERGOGNA,le retribuzioni dei professionisti della sanità privata sono ferme , ma il costo della vita è aumentato a causa della guerra in Ucraina e della pandemia ma ancor prima di questi due eventi le retribuzioni erano già assolutamente inadeguate. Questo silenzio delle due associazioni è ormai INACCETTABILE. Le promesse fatte dal Governo durante la fase di emergenza Covid sono andate tutte deluse. Per non parlare del fatto che nel frattempo i contratti della sanità pubblica sono stati rinnovati e questo aumenta sempre più quel divario economico con i professionisti del

Conferenza Stampa - Fisioterapista di Famiglia - Senato della Repubblica

  Il 30 novembre 2021,  presso la sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama, insieme al segretario nazionale del Sindacato Nazionale dei Fisioterapisti, alla presentazione alla stampa del Disegno di legge che ho depositato in Senato per il riconoscimento della figura professionale del fisioterapista di famiglia. Il disegno di legge intende garantire a circa 65 mila operatori il pieno riconoscimento della professione del fisioterapista come figura di riferimento per lo sviluppo e il potenziamento dei servizi territoriali di assistenza domiciliare, al fine di salvaguardare lo stato di salute dei cittadini introducendo un professionista di prossimità con un vero legame con il territorio, combattendo così l’abusivismo e abbattendo i costi per lo Stato e i tempi dì attesa per i cittadini. La pandemia ha posto al centro dell’attenzione politica il tema della protezione della salute delle persone e della centralità del Servizio sanitario nazionale come bene universale che va difeso in quanto