Passa ai contenuti principali

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

 




COMUNICATO STAMPA

 

E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta  protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio.

Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso.

La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,  una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,  dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a.

E’ bastata  qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilitazione, creassero un gruppo corposo, per dire a voce univoca: BASTA CON LO SFRUTTAMENTO!

“Siamo stanchi  di continuare a subire il continuo RIBASSO che le Cooperative propongono   alle ASP, le quali indefessamente accettano, declinando , in questo modo,  la misera retribuzione che le stesse ditte propongono a noi Fisioterapisti:

·        13,50 euro lorde ad accesso;

·        Dobbiamo utilizzare il nostro mezzo senza alcun rimborso kilometrico;

·        Dobbiamo pagarci la gestione separata INPS;

·        Dobbiamo pagare la tassa ordinistica;

·        Dobbiamo provvedere a pagarci la polizza professionale Rischio contro terzi;

Invece di avere un utile, se utile si può dire…, possiamo avere la possibilità di vivere dignitosamente percependo il giusto compenso per la giusta valorizzazione della nostra professione?”

Queste sono in sintesi, le parole che i colleghi esprimono a gran voce che, da lunedì 01 novembre si tradurranno nel  blocco delle prestazioni professionali e quindi del servizio nelle Province di Palermo e di Catania.

“Non possiamo continuare ad abbassare la testa ed accettare tutto incondizionatamente; non possiamo accettare più certi ricatti dettati dal < RIBASSO > che viene di anno in anno proposto a noi laureati in Fisioterapia; non possiamo accettare che le tariffe delle ASL siano ancora ferme al 2015”.

Lo Spif Ar, sensibilizzato dai colleghi qualche giorno addietro, ha abbracciato questo “movimento” iniziando a mettere in campo le proprie strategie tant’è che a distanza di qualche giorno, il segretario Nazionale della organizzazione sindacale di categoria, R. Ferrara, ha ricevuto un invito formale da parte dell’amministratore delegato di una cooperativa oggetto della mobilitazione, di incontro urgente per discutere della situazione.

R. Ferrara, nella giornata del 29 ottobre, in video conferenza con il Presidente e l’amministratore unico della cooperativa, rappresentando il disagio di ogni singolo collega e, con fermezza l’impellente necessità di rivedere le tariffe e  di prevedere il rimborso chilometrico, ha informato, nella stessa giornata del 29 ottobre, attraverso una video conferenza con più di 150 fisioterapisti, circa la discussione avvenuta con i dirigenti della cooperativa.

Rimane (giustamente) invariata la posizione dei nostri colleghi che, con l’auspicio di sensibilizzare tutte le altre Provincie e soprattutto le altre Regioni d’Italia, con il fine ultimo di stabilire un “EQUO COMPENSO” per la nostra professione, decidendo all’unanimità,  di sospendere la propria opera professionale ed intraprendere con ogni forma possibile la protesta a tale situazione che, negli ultimi 20 anni ci ha visto soccombere a determinati dictat. SPIF rimane impegnato allo stato di agitazione , a cui seguiranno note formali a tutte le Istituzioni pubbliche coinvolte nel processo.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fisioterapista di famiglia. Iniziato l'iter alla Camera dei deputati

  Iniziato l'iter per il riconoscimento del Fisioterapista di famiglia.  Pubblicato il testo, della proposta di legge, che segna un passo importante, nella storia della FISIOTERAPIA in Italia per il futuro di migliaia colleghi. Il rappresentanti del sindacato di categoria (SPIF AR), promotori della presentazione della proposta all'On. Bellucci, confidando nel buon senso dei nostri rappresentanti politici, auspicano che la proposta possa ricevere il consenso di tutti. Esultanza e soddisfazione per questo ennesimo passaggio, anche per  le persone fragili che attendono con fiducia questa norma al fine di valorizzare ulteriormente la figura del Fisioterapista e accorciare "la filiera" per accedere alle cure riabilitative territoriali che risulteranno molto più vicine ai nostri pazienti. Per leggere la proposta di legge clicca quì

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta