Passa ai contenuti principali

Spif ar risponde ad Aifi: fisioterapista di famiglia o di comunità? L’essenziale è interrompere la “filiera”

Di seguito, la replica di Roberto Ferrara, Segretario Nazionale SPIF AR, in merito ad alcune "considerazioni" effettuate da parte di un esponente Aifi sul Fisioterapista di famiglia. Leggi le considerazioni Aifi
 

Abbiamo cercato, per quei principi di "democrazia" a cui siamo legati, di replicare sullo stesso quotidiano on line ma, non abbiamo avuto, ad oggi, riscontro.

" Ho letto con molta attenzione l’articolo pubblicato su sanità informazione nel merito di quanto rappresentato dall’esponente di AIFI. 

Una lettura più approfondita del ddl  AC 2674 recante “ Modifiche al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e altre disposizioni in materia di riconoscimento della figura professionale del fisioterapista di famiglia e di assistenza fisioterapica domiciliare”,  avrebbe permesso di pervenire a conclusioni interpretative diverse e cogliere l’essenza del testo, che sicuramente potrà essere emendato anche in maniera migliorativa in sede di discussione in XII Commissione. 

Si contesta che l’eventuale “convenzionamento” del fisioterapista  ma ciò non è definito nel ddl ), porterebbe ad un allontanamento dalla costruzione del team territoriale multiprofessionale. 

Nulla di tutto ciò. 

Infatti la relazione illustrativa richiama il D.L. 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, che stabilisce una più moderna organizzazione dei servizi territoriali, attraverso modalità operative che prevedono forme organizzative monoprofessionali, denominate AFT, ma anche forme organizzative multiprofessionali, determinando in tal modo , il pieno coinvolgimento delle Professioni Sanitarie, tra cui infermieri, fisioterapisti, ecc. 

L’aspetto del rapporto di lavoro , ovvero se il fisioterapista debba essere in convenzione o dipendente , potrà essere affrontato in sede referente, non è questo l’elemento determinante.

Che l’esponente di AIFI si sia soffermato solo sulle  evidenze dell’art.2 , tralasciando dalla sua analisi  gli art. 1 e 3 , ci lascia un po’ perplessi.

Infatti l’intero impianto del ddl  ha contenuti ben più complessi  come si può evincere , tra l’altro,  all’art. 1 lett. e) dove è prevista la revisione del modello organizzativo distrettuale che valorizza e responsabilizza le funzioni e il ruolo dei professionisti sanitari ……., all’art. 3 , comma 2 , viene sancito il principio di strettissima collaborazione con il m.m.g., , al comma 4 ,  che l’attivazione è determinata da quest’ultimo e al comma 5 è stabilito che è tenuto a valutare la necessità dell’assistenza fisioterapica, rimanendo in capo allo stesso, per come previsto dalla normativa vigente, la responsabilità clinica del paziente a 360°, lasciando al fisioterapista la responsabilità prevista dalle competenze del profilo professionale. 

Pertanto, pensare che il fisioterapista , come rappresentato dall’esponente di AIFI, agisca isolatamente sui bisogni del paziente , non trova assoluto riscontro nel testo. 

Sarà stata una libera interpretazione di AIFI. 

Forse non si conosce a fondo che , in atto il m.m.g. sia all’interno delle UVM le quali definiscono il PAI e l’erogazione , anche in ADI, viene affidata ad Enti privati convenzionati, vedasi Coop ecc. 

A nostro avviso il ddl  si propone di interrompere la “filiera” e come O.S.  di categoria dobbiamo sostenere e difendere il diritto dei colleghi, in quanto lavoratori, dalle ingerenze continue da chi utilizza l’assistenza alle persone con disabilità  anche e soprattutto per trarne profitto.

Infine,  la paternità di questa grandissima iniziativa lasciamola, come previsto dalla nostra Costituzione , al Parlamento Italiano che è l’Organo primario a fare le leggi.

Il Segretario Nazionale Spif Ar

Dott. Roberto Ferrara

Commenti

Post popolari in questo blog

Fisioterapista di famiglia. depositata la proposta di legge alla camera dei deputati.

E’ stato uno degli obiettivi che, i dirigenti del sindacato professionale Italiano Fisioterapisti area riabilitativa (SPIF AR), hanno perseguito negli anni, con tanta dedizione e caparbietà.   Abbiamo da sempre pensato ai nostri colleghi e colleghe, liberi professionisti che, pur di guadagnare qualcosa, si sono offerti quasi gratuitamente, ai vari datori di lavoro che gestiscono la Sanità privata.   Abbiamo bussato, dignitosamente e nel rispetto delle norme, a qualsiasi porta, trovando molto spesso, la stessa sbattuta in faccia ed anche…tanti ostacoli insormontabili.   Oggi, con piena soddisfazione, ci sentiamo di ringraziare l’Onorevole Maria Teresa Bellucci che, abbracciando la nostra proposta, ha presentato, alla Camera dei Deputati il  ddl AC 2674  che prevede l’istituzione del FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA.   Un grande risultato per tutta la categoria!   Così, prende forma di legge, la bozza presentata da SPIF AR all’on. Bellucci la quale si è resa sensibile e disponibile, fin da sub

Fisioterapista di famiglia. Iniziato l'iter alla Camera dei deputati

  Iniziato l'iter per il riconoscimento del Fisioterapista di famiglia.  Pubblicato il testo, della proposta di legge, che segna un passo importante, nella storia della FISIOTERAPIA in Italia per il futuro di migliaia colleghi. Il rappresentanti del sindacato di categoria (SPIF AR), promotori della presentazione della proposta all'On. Bellucci, confidando nel buon senso dei nostri rappresentanti politici, auspicano che la proposta possa ricevere il consenso di tutti. Esultanza e soddisfazione per questo ennesimo passaggio, anche per  le persone fragili che attendono con fiducia questa norma al fine di valorizzare ulteriormente la figura del Fisioterapista e accorciare "la filiera" per accedere alle cure riabilitative territoriali che risulteranno molto più vicine ai nostri pazienti. Per leggere la proposta di legge clicca quì

FALSE PARTITA IVA E COVID – 19: Tutti i nodi vengono al pettine Oltre la beffa anche il danno!

  L’emergenza COVID porta alla luce una delle piaghe che affligge la nostra professione già da troppo tempo e cioè l uso spropositato di professionisti in regime libero professionale ( false partite Iva ) i quali si ritrovano a subire gli oneri tipici del regime subordinato senza godere dei diritti da lavoro subordinato, quale ad esempio percepire lo stipendio in regime di quarantena. Riceviamo un appello accorato di una nostra collega che, risultata positiva al Covid 19, è stata posta in quarantena dalla azienda privata convenzionata dove presta, da anni, servizio come Libera Professionista (falsa partita iva). Non ci addentreremo nei meandri delle (FALSE PARTITA IVA) argomento trito e ritrito, che ci ha visto protagonisti in molte occasioni ove, questo sindacato di categoria (SPIF AR), si è fatto carico di risolvere molte questioni chiedendo e facendo assumere molti dei nostri colleghi. Orbene la collega, esponendoci il suo problema, ha fatto riemergere nelle nostre coscienze