Passa ai contenuti principali

Incontro dirigenti Spif Ar con l'On. Lorefice - PRESIDENTE XII COMMISSIONE AFFARI SOCIALI

 


COMUNICATO STAMPA INCONTRO SPIF AR ON. LOREFICE

 
PRESIDENTE XII COMMISSIONE AFFARI SOCIALI
 
 
In data odierna, Lo SPIF AR, nelle persone dei dirigenti Vice Segretario Nazionale, dott. R. Ferrara e dott.ssa R. Bufalino, è stato ricevuto dalla Presidente della XII Commissione Affari Sociali alla Camera, On. Marialucia Lorefice.
 
 
Non potevamo non incontrare la Presidente. Era, è e sarà la prerogativa principale di questo sindacato; non soltanto tutelare le professioni SANITARIE (ed il maiuscolo non è a caso) dell’area Riabilitativa riconosciute dal Ministero della Salute e soprattutto spiegare le ragioni di ordine UMANO, PROFESSIONALE, DEONTOLOGICO, LEGALE, POLITICO ed anche MORALE, che ci hanno spinto ad elargire le nostre motivazioni.”
 
 
Queste le parole del Vice Segretario Nazionale Spif Ar, dott. Ferrara che si ritiene soddisfatto della cordialità, ospitalità ed apertura all’incontro avvenuto in data odierna.
 
 
Nella premessa, il dott. Ferrara e la dott.ssa Bufalino, dopo i convenevoli iniziali, hanno manifestato il proprio disappunto e relativa contrarietà a qualsiasi proposta che possa “sanare” delle situazioni di CHI, non possiede alcun titolo per iscriversi all’ALBO; A tal proposito, sono stati esposti dei punti cardini che sono stati recepiti dalla Presidente e successivamente discussi:
 
 
1)    La legge 403/71 è una legge concepita per ipo e non vedenti;
 
2)    Da 18 anni esiste l'Università per le professioni sanitarie;
 
3)    Nessuna professione sanitaria ha un "doppio canale" formativo;
 
 
Dall’altra parte, il Governo, per tramite la Sua rappresentante On Lorefice, in merito ai soggetti che hanno acquisito il titolo di massofisioterapisti post 99, ha rappresentato alla scrivente Organizzazione Sindacale, che i vari uffici Ministeriali, si stanno adoperando per trovare delle soluzioni, non meglio precisate.
 
 
Nessuna Sanatoria o altra “proposta non consone” alle aspettative di migliaia di professionisti Sanitari sarà accettata dallo SPIF AR, semmai, questa O.S., potrà comprendere e farsi portavoce, per come espresso dalla FNO Tsrm Pstrp nell’articolo – http://www.panoramasanita.it/2018/11/20/professioni-sanitarie-e-iscrizione-agli-albi-il-contributo-della-fno-tsrm-pstrp/ - per trovare una soluzione per i “potenziali equivalenti” indi per coloro che hanno acquisito i titoli ante legge 42/99 cioe, attraverso la (ri)apertura dei percorsi per l’equivalenza, mediante i quali i soggetti interessati rientrerebbero tra quelli in possesso di un titolo idoneo per l’iscrizione all’albo.
 
 
Lo SPIF AR, ha consegnato un dossier con elementi chiaritori e delucidatori sull’aspetto normativo e sulla sostanziale e GRANDE differenza dei due percorsi di studi di cui, il massofisioterapista, ricordiamo, è da   ascriversi al novero degli “operatori di interesse sanitario" (come coerentemente riportato sul sito del Ministero ) nell'ambito della quale possono trovare posto attività di interesse sanitario sprovviste delle caratteristiche della professione sanitaria in senso proprio, che si connotano per la mancanza di autonomia professionale ed alle quali corrisponde una formazione di livello inferiore rispetto a quella del FISIOTERAPISTA.
 
 
“ L'unica figura di professione sanitaria destinata ad erogare i trattamenti riabilitativi di superiore complessità e dotata di adeguata formazione universitaria è quella del fisioterapista" il cui PROFILO PROFESSIONALE è individuato con D.M. N° 741 del 1994 e legge 43/2006, la cui formazione consolidata e uniforme territorialmente è garantita da apposito percorso universitario e riconosciuta in via esclusiva dall'ordinamento statale e che è la sola titolata in grado di adempiere alle più svariate categorie di trattamenti anche ad elevata complessità e capace di assicurarne l'integrale, corretta e sicura erogazione, in quanto dotati di propria autonomia professionale e titolarità, in base a quanto sancito con la legge 251/2000.
 
 
Il Vice Segretario Nazionale Spif Ar, dott. Ferrara, con fermezza espositiva, ha dichiarato alla Presidente che, qualora questo Governo dovesse, ipoteticamente, escogitare procedure atte a “sanare” delle situazioni che possano ledere la dignità professionale, personale, umana, di migliaia di professionisti Sanitari della Riabilitazione, questo Sindacato metterà in campo tutte le azioni per contrastare ogni tipo si sopruso.
  
La Presidente è stata molto attenta a quanto esposto e consegnato richiedendoci la possibilità di ulteriori incontri.
  
Siamo aperti al dialogo ma non consentiremo SANATORIE!

Sempre durante detto incontro, i due dirigenti SPIF AR (FERRARA - BUFALINO) hanno fatto presente alla Presidente, così come esposto un mese addietro al Ministero della Salute, circa la necessità impellente di far sì che questo Governo si impegni per favorire l'ACCREDITAMENTO diretto dei professionisti Sanitari della Riabilitazione e dei loro studi professionali e, sull'estensione dell'attività libero professionale intramuraria per le 22 professioni sanitarie, rappresentando che è ormai un principio anacronistico che la LP sia svolta soltanto dal personale dirigente.

Ad Maiora

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit