Passa ai contenuti principali

Presunta sanatoria: Lo Spif Ar scrive alla V Commissione del Bilancio Tesoro e Programmazione

 


Giorno 20 novembre, è in discussione l'emendamento del Movimento 5 stelle, che riguarda la presunta sanatoria. Lo Spif Ar, avendo avuto sentori che la situazione possa riguardare anche altre professioni non sanitarie, ha inviato in data  18/11/2018, la nota riportata di seguito:


Al Presidente V Commissione Bilancio,  Tesoro e Programmazione                                                  On. Claudio Borghi
Ai Vicepresidenti V Commissione Bilancio,Tesoro e Programmazione
                    On. Giuseppe Buonpane
                                                                     On. Stefania Prestigiacomo
                                                 A tutti i   Membri V Commissione Bilancio,Tesoro e Programmazione
 Oggetto: Inammissibilità Emendamento art.41 bis DDL 1334 C.    

Egregi Onorevoli,
Siamo a conoscenza che la discussione del DDL 1334 C in sede referente presso la V Commissione è posta all’ordine del giorno del 20 novembre 2018.
Ha sollevato molto clamore l’Emendamento art. 41- bis (Disposizioni in materia di figure professionali) presentato da alcuni parlamentari del M5S  al DDL  1334 C "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021" ,  con il  conseguente e totale  disappunto della scrivente O.S.,   di Associazioni professionali come AIFI e della stragrande maggioranza degli oltre 220.000  professionisti che si sono iscritti ai relativi Albi o che  stanno provvedendo a farlo, tra l’altro  già manifestato attraverso  i media  ed altre forme istituzionali .  
Che si voglia tentare una “ sanatoria “ risulta oramai palese viste anche le prese di posizione dell’ex sottosegretario alla Salute On. De Filippo, nonché , in alcune forme espressive , quale il rischio di licenziamento ecc.  dei sindacati confederali, che comunque hanno intrapreso la strada del confronto istituzionale  e non quello della  spinta  legislativa, attraverso l’istituzione di un Tavolo Tecnico presso il Ministero della Salute , come tra l’altro richiesto dal Presidente dell’Ordine dei TSRM PSTRP Dott. A.Beux  al fine di dare possibili soluzioni al problema dell’iscrizione all’Albo che riguarda una   strettissima fetta di lavoratori che hanno ritenuto “superfluo” intraprendere il percorso previsto dall’art 4, comma 2 della Legge 42/99  declinato con l’emanazione del DPCM  26 luglio 2011.
Per quanto sopra espresso siamo a richiedere alle SS.VV.  che durante la seduta prevalga “ il buon senso” oltreché politico anche istituzionale . Infatti il Regolamento della Camera prevede al suo art. 121, comma 5 che “....omissis e  il presidente della Commissione bilancio dichiarano inammissibili gli emendamenti e gli articoli aggiuntivi che concernono materie estranee all'oggetto proprio della legge finanziaria e della legge di bilancio,omissis.....” ed ancora più pregnante appare l’art.89 che prevede “la facoltà del Presidente di negare l’accettazione e lo svolgimento di ordini del giorno, emendamenti o articoli aggiuntivi che siano relativi ad argomenti affatto estranei all’oggetto di discussione”.  
Confidando in un esito favorevole alla nostra richiesta, cioè di rigetto dell’Emendamento, augurandovi un proficuo e buon lavoro, in attesa di riscontro porgiamo distinti saluti.

Il Segretario Nazionale                                                                           Il Vice Segretario Nazionale
Dott. Antonio Cartisano                                                                                        Dott. R. Ferrara

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit