Passa ai contenuti principali

Lotta e Contrasto all’Abusivismo

 


Con l’entrata in vigore del Ddl Lorenzin, non tutti sanno che vi è stata una modifica al Codice Penale. Ovvero questa modifica cita esattamente che agli abusivi vengono confiscati i beni utilizzati per commettere il reato, la reclusione fino a tre anni e una multa fino a 50.000 euro. Inoltre la Legge anche ad altre nuove professioni sanitarie, dopo quelle riconosciute di Osteopatia e Chiropratico.

Il Ddl Lorenzin, dopo ben 70 anni affronta la riforma degli ordini professionali, riconoscendo come professioni sanitarie quelle di Osteopatia e Chiropratica. In questo provvedimento, vengono istituiti dei nuovi ordini professionali come quelli degli Infermieri, Ostetriche, Tecnici sanitari di Radiologia medica e professioni sanitarie tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione.
Oltre a tutto ciò, la novità maggiore di questo Ddl, quello che interessa molto il campo della Riabilitazione e Fisioterapia, sono le norme che contrastano l’esercizio abusivo della professione nel campo riabilitativo. Il reato di esercizio abusivo della professione sanitaria, prevede un’aggravante e in tale ipotesi vi sarà la confisca obbligatoria dei beni utilizzati per commettere il reato. Se dovesse trattarsi di beni immobili, si disporrà il loro trasferimento al patrimonio del comune ove sono siti, per essere destinati a finalità sociali e assistenziali.
Il nuovo articolo 348 del Codice Penale, modificato dal Ddl Lorenzin, per quanto concerne il reato di esercizio abusivo della professione sanitaria, cita : “ Chiunque eserciti abusivamente una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 10.000 a € 50.000”.
L’eventuale condanna di un’abusivo, che esercita all’interno di uno studio, ambulatorio o altra struttura sanitaria autorizzata, comporta una multa da € 15.000 a € 75.000 nei confronti del professionista/responsabile che ha determinato/autorizzato altri a commettere il reato di cui al primo comma, ovvero ha diretto l’attività delle persone che sono concorse nel reato medesimo. Ovvero, se un medico-fisioterapista-o altra professione sanitaria, permette ad un abusivo di effettuare la professione è responsabile.
L’ufficio Lotta e Contrasto all’Abusivismo dello SPIF, è attento alle segnalazioni che vengono effettuate da colleghi ed altre persone. La mission dell’Ufficio e dello SPIF è quello di contrastare l’abusivismo con le segnalazioni alle autorità competenti. Molti colleghi ci chiedono il motivo per cui non hanno più notizie in merito alle segnalazione effettuate. Ebbene, vogliamo comunicare che dal momento della segnalazione, tutti gli atti vengono secretati e non è dato sapere, né a noi né a nessun altro notizie in merito, fino al termine delle indagini. Queste indagini possono durano da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 1-2 anni.
Pur non di meno, il nostro impegno è quotidiano e ribadiamo che TUTTE le segnalazioni pervenute al nostro ufficio, giungono al mittente preposto alle verifiche del caso.

Ufficio contrasto Abusivismo Spif Ar
Dott. G. Lorenzo Ricucci

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit