Passa ai contenuti principali

Osteopatia. Riconoscimento o sanatoria?

 


Gentile Direttore,

mercoledì prossimo proseguirà, in sede referente, la discussione sul DDL 1324 (Lorenzin) in XII Commissione del Senato. Mi corre l’obbligo di manifestare la grande ammirazione nutrita nel merito dell’abilità politica della Relatrice Sen. De Biasi, la quale ha riformulato gli emendamenti, insistendo già il parere contrario, in sede consultiva, della V Commissione Bilancio del Senato. La Senatrice ha introdotto nel testo dell’emendamento all’art. 3-bis, comma 3,  la frase  “È istituito senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, presso l'Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, l'albo per la professione sanitaria di osteopata”.

Il tenore del testo non elide assolutamente il vincolo imposto, con il parere contrario della V Commissione, di possibili maggiori e nuovi oneri per la Finanza Pubblica. Infatti, lo stesso parere contrario,  espresso  ai sensi dell’art 81 della Costituzione, costituisce la consapevolezza che l’attivazione di nuovi Corsi di Laurea, inciderebbe sul bilancio dello Stato,  con la consapevolezza che le Università,  per ottemperare, andrebbero a batter “cassa” presso i Ministeri competenti, anche per il semplice fatto che nell’ultimo decennio soffrono il taglio delle risorse economiche  a loro destinate, che risulta essere  pari, se non maggiore  del 30%.
Tale riformulazione degli emendamenti rientra nella “grande Scienza politica” di alcuni Parlamentari, senza fare alcuna  distinzione di appartenenza. Sicuramente  l’istituzione di un ulteriore Albo non costa nulla, ma l’attivazione di un nuovo CdL sicuramente sì.

Un'ulteriore perplessità nasce per l’evidente e palese “disparità di trattamento” per le nuove professioni. Viene istituito l’Albo degli Osteopati ed invece  per i Chiropratici, il Registro presso il Ministero della Salute. Risulta  chiara e manifesta  la disparità tra le Professioni Sanitarie di nuova istituzione. Ricordo a lei e a tutti i lettori che il DDL 1324 è stato pensato e proposto  anche per dirimere tale aspetto per le 19 Professioni Sanitarie in atto sprovviste di Albo.

Entriamo nella specifica procedura legislativa. La norma che verrebbe introdotta viola in maniera manifesta la  precedente, ovvero la L. 43/06. La seguente asserzione trova corroborazione del parere di esperti Giuristi. Non solo infrangerebbe  le regole, ma addirittura potrebbe risultare incostituzionale per manifesta violazione dell’art.5, comma 3, che qui si riporta integralmente: “L'individuazione è subordinata ad un parere tecnico-scientifico, espresso da apposite commissioni, operanti nell'ambito del Consiglio superiore di sanità, di volta in volta nominate dal Ministero della salute, alle quali partecipano esperti designati dal Ministero della salute e dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e i rappresentanti degli ordini delle professioni di cui all'articolo 1, comma 1, senza oneri a carico della finanza pubblica. A tal fine, la partecipazione alle suddette commissioni non comporta la corresponsione di alcuna indennità o compenso né rimborso spese”,  dove il Legislatore ha voluto definire gli Organismi competenti  per individuare nuove professioni sanitarie attraverso un percorso che coinvolge il mondo scientifico e professionale, non lasciando alla sola Politica l’esclusività di decisione.

Tra l’altro già, in assenza di coinvolgimento previsto dalla norma superiormente citata  si è espresso il Mondo scientifico attraverso la Conferenza permanente della Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie, esprimendo contrarietà alla creazione di nuovi CdL ed addirittura definendo l’Osteopatia una Tecnica ed attraverso il Mondo delle Professioni Sanitarie con in capo AIFI.

Infine c’è da aggiungere che l’Organizzazione Mondiale della Sanità colloca osteopatia e chiropratica nell’ambito delle medicine non convenzionali. Il Ministero della Salute ne autorizza la pratica unicamente quali competenze esclusive dei professionisti sanitari (ovvero coloro che hanno già formazione e abilitazione in ambito sanitario).

Appare evidente che la norma che vorrebbe introdursi  assume piena, chiara e manifesta volontà di “sanare gli abusivi” comprese tutte le Scuole esistenti e che in atto non hanno alcun riconoscimento né tantomeno Autorizzazioni Statali.

Nulla contro l’Osteopatia, che rimane, a mio avviso, esclusivamente una pratica terapeutica alla stregua della Terapia Manuale, della Riabilitazione Neurocognitiva, della Riabilitazione Cardiorespiratoria, ecc.

Auspico che i nostri Politici della XII Commissione, in sede referente, ottemperino nella  discussione e  valutazione con grande responsabilità nella fase  finale, ossia se approvare o respingere gli emendamenti riformulati  al “DDL Lorenzin 1324” in cui si trovano a rendere possibile ora, quanto asserito dal Ministro quasi due anni fa circa l’Osteopatia.

Inoltre un invito  al mondo accademico e scientifico,  ovvero  l’onere di definire  se  l’approccio osteopatico rientri nell’agire riabilitativo o rimanga medicina non convenzionale. Non solo sfogo, ma anche denuncia/proposta.

Roberto Ferrara
Segretario nazionale Sindacato professionale italiano fisioterapisti e area riabilitativa (SPIF AR)

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit