Passa ai contenuti principali

Regione Lazio e Partita Iva - Spif Ar diffida i D.G. delle ASL

 

Come anticipatovi qualche settimana addietro, è stata inoltrata in data odierna, a tutte le ASL della Regione Lazio, alla Sindaca di Roma, all'ispettorato del lavoro Regionale, all'Assessore alla Salute, al Presidente TSRM PSTRP. alle CDA Regionali la diffida ad adempiere a controlli ispettivi, per tutte le strutture in regime di convenzione, quali ADI – COOPERATIVE – EX ART. 26 – STRUTTURE COD. 56.

Ringraziamo, ancora una volta, tutti i colleghi e le colleghe che, attraverso le loro segnalazioni, ci hanno permesso di individuare delle strutture <TARGET> su cui indirizzare il nostro interesse. A tal proposito abbiamo inviato anche, i nominativi di talune strutture che non pubblichiamo per la riservatezza delle comunicazioni

Le situazioni lavorative, dei nostri colleghi, nella città eterna, si sono rilevate “angoscianti”… per non dire “tenebrose”.

Pazienti dislocati 30 km l’uno dall’altro – contratti fittizi con obblighi di riservatezza – pagamenti al ribasso – in molte strutture 1, 2 dipendenti e 10 colleghi con partita iva – proprietari indagati e responsabili in conflitto di interesse…

Ci duole altresì constatare connivenze e commistioni molto gravi che meriterebbero un approfondimento da parte di qualche procura a cui ci rivolgeremo in una seconda fase.

Il moto di Spif Ar, non si arresta e va avanti ricordando che è nostro interesse primario, far calendarizzare quanto prima, la proposta di Legge sul <FISIOTERAPISTA DIFAMIGLIA> progetto a cui crediamo tanto e che permetterebbe a migliaia dei nostri colleghi in libera professione di avere la possibilità di un maggiore e migliore rispetto sotto tutti i punti di vista.

Sostieni il tuo sindacato di categoria con l’iscrizione.

Leggi la nota indirizzata ai D.G.

Leggi la nota indirizzata alla Sindaca di Roma

Commenti

Post popolari in questo blog

Fisioterapista di famiglia. Iniziato l'iter alla Camera dei deputati

  Iniziato l'iter per il riconoscimento del Fisioterapista di famiglia.  Pubblicato il testo, della proposta di legge, che segna un passo importante, nella storia della FISIOTERAPIA in Italia per il futuro di migliaia colleghi. Il rappresentanti del sindacato di categoria (SPIF AR), promotori della presentazione della proposta all'On. Bellucci, confidando nel buon senso dei nostri rappresentanti politici, auspicano che la proposta possa ricevere il consenso di tutti. Esultanza e soddisfazione per questo ennesimo passaggio, anche per  le persone fragili che attendono con fiducia questa norma al fine di valorizzare ulteriormente la figura del Fisioterapista e accorciare "la filiera" per accedere alle cure riabilitative territoriali che risulteranno molto più vicine ai nostri pazienti. Per leggere la proposta di legge clicca quì

Fisioterapista di famiglia. depositata la proposta di legge alla camera dei deputati.

E’ stato uno degli obiettivi che, i dirigenti del sindacato professionale Italiano Fisioterapisti area riabilitativa (SPIF AR), hanno perseguito negli anni, con tanta dedizione e caparbietà.   Abbiamo da sempre pensato ai nostri colleghi e colleghe, liberi professionisti che, pur di guadagnare qualcosa, si sono offerti quasi gratuitamente, ai vari datori di lavoro che gestiscono la Sanità privata.   Abbiamo bussato, dignitosamente e nel rispetto delle norme, a qualsiasi porta, trovando molto spesso, la stessa sbattuta in faccia ed anche…tanti ostacoli insormontabili.   Oggi, con piena soddisfazione, ci sentiamo di ringraziare l’Onorevole Maria Teresa Bellucci che, abbracciando la nostra proposta, ha presentato, alla Camera dei Deputati il  ddl AC 2674  che prevede l’istituzione del FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA.   Un grande risultato per tutta la categoria!   Così, prende forma di legge, la bozza presentata da SPIF AR all’on. Bellucci la quale si è resa sensibile e disponibile, fin da sub

FALSE PARTITA IVA E COVID – 19: Tutti i nodi vengono al pettine Oltre la beffa anche il danno!

  L’emergenza COVID porta alla luce una delle piaghe che affligge la nostra professione già da troppo tempo e cioè l uso spropositato di professionisti in regime libero professionale ( false partite Iva ) i quali si ritrovano a subire gli oneri tipici del regime subordinato senza godere dei diritti da lavoro subordinato, quale ad esempio percepire lo stipendio in regime di quarantena. Riceviamo un appello accorato di una nostra collega che, risultata positiva al Covid 19, è stata posta in quarantena dalla azienda privata convenzionata dove presta, da anni, servizio come Libera Professionista (falsa partita iva). Non ci addentreremo nei meandri delle (FALSE PARTITA IVA) argomento trito e ritrito, che ci ha visto protagonisti in molte occasioni ove, questo sindacato di categoria (SPIF AR), si è fatto carico di risolvere molte questioni chiedendo e facendo assumere molti dei nostri colleghi. Orbene la collega, esponendoci il suo problema, ha fatto riemergere nelle nostre coscienze