Passa ai contenuti principali

False Partite IVA: la presunzione di subordinazione

 


La scorciatoia scelta da tanti datori di lavoro (Centri privati, Cooperative, ecc..) per sottrarsi ai costi dei contratti stabili, continuando a fare ricorso ai rapporti di lavoro con Partita Iva, ha suscitato nell’ultimo semestre, nei dirigenti Spif Ar, un particolare interesse che, attraverso una mappatura del territorio, ha messo in evidenza che, nonostante le norme insistenti, si continua a fare ricorso alle così dette “ FALSE PARTITA IVA”.


Orbene, nei mesi antecedenti a tale mappatura ed a seguito di segnalazioni pervenute alla nostra segreteria, quando eravamo sul punto di “agire”, vuoi per “terrorismo psicologico” (da parte del datore di lavoro), vuoi per la paura di perdere il posto di lavoro, eravamo indotti, dagli stessi lavoratori (giustamente impauriti) di abbandonare ogni idea e relativa azione di rivalsa dei diritti.

Comprendendo meglio suddetti meccanismi e, nell’ottica di evitare qualsiasi compromissione personale/professionale degli “addetti ai lavori” cioè dei nostri colleghi, in virtù della Legge 92/2012, della Circolare del Ministero delle Politiche Sociali, n° 32/2012, del D.L. 34/2014 e di numerose sentenze nel merito che confermano un “orientamento giurisprudenziale consolidato” abbiamo richiesto a tutti gli Assessorati Regionali alla Salute un incontro URGENTE al fine di ricordare e rappresentare che, disattendere l’applicazione di tali norme determina, oltre che un comportamento illecito, grave danno per tutti i lavoratori costretti ad operare sotto l’imposizione di un ricatto, rappresentando altresì che il mancato e/o superficiale controllo da parte delle ASL/ASP di tali comportamenti, posti in essere da svariate strutture che operano in regime di accreditamento, può determinare da parte della Magistratura Contabile,  contestazione di addebito per i funzionari pubblici inadempienti, nonché la possibile risoluzione contrattuale con le strutture che operano in maniera difforme alla corretta applicazione della norma , risultante dall’accertamento della violazione.
Siamo certi che quest’azione, porterà dei risultati positivi a, migliaia di professionisti Sanitari che, per anni, non hanno mai avuto la possibilità di usufruire delle ferie o del congedo di maternità ed avere riconosciuti quei DIRITTI sanciti dalla stessa Costituzione.

Il Segretario Nazionale Spif Ar
Dott. Roberto Ferrara

Commenti

Post popolari in questo blog

Mobilitazione Fisioterapisti in Sicilia. Anche gli ex art. 26 iniziano la ribellione

                                                          Comunicato Stampa In questo preciso momento, in concomitanza alla mobilitazione che stanno mettendo in campo i colleghi afferenti al servizio ADI, anche i professionisti della riabilitazione, assunti presso le  strutture operanti nel territorio siciliano, ossia i CdR ex Art. 26, manifestano il loro malessere ormai  decennale che li vede tutt'ora in attesa del rinnovo di un contratto, già anomalo e mortificante , in  quanto li vede penalizzati sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista economico. La Regione siciliana ha accreditato e le ASP hanno contrattualizzato dette strutture, erogando loro  delle rette, ben più corpose, rispetto a quelle previste per l’ADI, coerentemente a sostenere il costo  del lavoro , ma chi gestisce queste strutture, dimentica, forse , cosa significhi essere accreditato e  contrattualizzato, operando l’applicazione di un CCNL di tipo socio-assistenziale (vedi ccnl AIAS). Negli anni , Sp

FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA

  FISIOTERAPISTA DI FAMIGLIA – UNA SVOLTA FONDAMENTALE PER LA FISIOTERAPIA IN ITALIA Depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge ( d.d.l. 2257 ) sul Fisioterapista di famiglia.    Firmatario, il Senatore N. Pagano (FORZA ITALIA) , il quale, nella sua lungimiranza, esprime grande soddisfazione per aver presentato e sostenuto questa proposta che, assume un primo passo per   l’accreditamento diretto del fisioterapista con il SSN, permettendo in tal modo   lo snellimento delle liste dì attesa   e consentirebbe   a migliaia di professionisti sanitari della riabilitazione, di trovare la giusta collocazione, una corretta   retribuzione in ambito lavorativo, attraverso un processo convenzionale   o in regime di dipendenza , o con un rapporto convenzionale come previsto nell’art.4, proprio come i medici di base. Un grosso risultato per i professionisti della fisioterapia, i quali avranno finalmente la possibilità di mettere a frutto le proprie competenze senza vedersi sfrutta

COMUNICATO STAMPA SPIF AR

  COMUNICATO STAMPA   E’ iniziata in questi giorni, nelle Province di Catania e Palermo, una forte e sostenuta   protesta, da parte di centinaia di FISIOTERAPISTI operanti , in regime libero professionale, presso due note cooperative presenti sul territorio. Il malcontento generato, che come una macchia d’olio si sta estendendo a molte altre Province del territorio regionale siciliano, riguarda la retribuzione proposta agli stessi colleghi per l’attivazione dell’assistenza integrata domiciliare che, allo stato attuale, sarebbe di circa 13,50 euro ad accesso. La presa di coscienza dei colleghi che si stanno mobilitando, in relazione alle tariffe proposte, ha generato in ognuno,   una forma di repulsione ad accettare, incondizionatamente, tale proposta che, come da convenzione tra le ASP in oggetto e le cooperative,   dovrebbe aver come data d’inizio i primi giorni del mese di novembre c.a. E’ bastata   qualche ora per fa sì che più di 150 professionisti sanitari della Riabilit